GIORNATA DA CANE SCRITTA DA UN CANE

Mmh buoni questi fili d’erba! Mi fanno bene con tutto quello che ho mangiato prima. Si c’era odore di carne in quella roba che mi hanno dato, anche delle verdure …ora sono un po appesantito non riesco molto bene a correre. Sono il più veloce quando corro, nessuno riesce a prendermi e…aaargh maledette api! Non riesco mai a prenderle, mi danno fastidio come quegli animali volanti che non so come si chiamano, sembrano così carini, volano molto piano e a volte ho visto che escono dai vermi. Ce ne sono molti su quel ramo. Voglio proprio andare a vedere sniff sniff… mmh si sono proprio loro, hanno lo stesso odore di quelle che ho provato a mangiare l’altra volta, avevano un cattivo sapore. Nulla ha lo stesso sapore di quei sassolini all’odore di cavallo e patate che mi danno i miei capobranco; a proposito, non sono qui con me non riesco a sentire il loro odore, anche la casa deve essere lontana, non sono mai stato qui, non c’è nulla a parte questo albero e l’erba. Comincio ad avere un po’ di paura sento odore di pioggia e il cielo sta diventando scuro, quando comincia a piovere di solito la mia padrona sta con me e mi sento al sicuro ma qui non sento l’odore di nessuno. Non c’è nemmeno la mia cuccia. C’è anche l’aria, io ho paura dell’aria  che non so da dove viene, non riesco a vederla e dentro ci sento mille odori diversi e non riesco a capire da dove provengono… ecco lo sapevo sta iniziando a piovere, sento l’umido nel mio naso, e anche ariaaa devo correre, corro corro mi sento tutto bagnato, tutto bagnato, devo correre piu veloce che posso, come quando ho superato quel levriero al grande prato vicino casa, dov’è la mia casa, ho paura, ho pauraa…FREDDY FREDDY… questa voce forse…FREDDYYY… è la voce della padrona. è tutto buio…FREDDY… aaaah! stavo dormendo. 

La mia padrona mi sta chiamando, è la compagna del capobranco, e poi insieme hanno generato la figlia che mi coccola sempre e mi porta a fare delle passeggiate quando sta per calare il sole. Però la passeggiata della mattina la faccio con lei, è molto gentile mi parla sempre. A volte non capisco che cosa dice, ho capito che Freddy vuol dire che vogliono la mia attenzione e devo andare dove sono loro. Ora mi hanno aperto la porta, fa caldo, c’è il sole sento odore di legno umido, forse c’è stata la pioggia, e sento anche la terra umida e la cacca di ieri sera. Lo stesso odore di cavallo e patate, devo fare pipi, ah me ne tengo un po’ per dopo.  

Ecco che si esce. La mattina è sempre il momento migliore per una bella perlustrazione nel territorio. La sera gli altri come me vanno in giro portati dal loro padrone; uno grande e marrone che odora di salsiccia sconfina sempre, e anche un altro molto grande che mi abbaia, non lo posso sopportare passa molto vicino alla mia casa. Non posso nemmeno morderlo perché di mezzo c’è un muro con delle piante. Questa cosa che mi mettono intorno per tenermi vicino non mi piace, mi stringe e non mi fa andare dove voglio. Ecco che si esce, dai dai corro! non ci riesco questa corda mi tiene ho capito, solito giro vado piano. Ovviamente hanno provato anche questa volta a coprire le mie tracce ma sono molto più furbo io, mangio sempre dell’erba prima di uscire così la mia pipi è più acida e l’odore difficilmente viene coperto, infatti è ancora qui… E CAMMINA…È ringhio…CAMMINA DEFICIENTE! Mi fermo a guardare, Ringhio sta odorando il punto in cui Milton fa sempre la cacca, ma il suo padrone non vuole e lo picchia. SE CI RIPROVI TI AMMAZZO, È INUTILE CHE TI BUTTI PER TERRA COME UN TAPPETO COGLIONE…La mia padrona saluta l’uomo ed è contenta, lo sento dall’odore. Ce ne andiamo. Ringhio è molto grande e hai dei denti forti, potrebbe morderlo. Non so perchè non lo fa…  

Sniff sniff stanno andando a prendermi il primo pasto della mattina, eccolo SEDUTO! Una volta è venuto un maschio e mi ha fatto capire che seduto vuol dire mettere il sedere a terra, i miei padroni vogliono che prima di mangiare mi metto così. Non capisco perchè, di solito non lo fanno con i loro simili però…sta arrivando, quanto è buono mi riempie il naso di odori. Do anche una leccata alla ciotola. Ora mi faccio una corsetta e mi metto al sole, di solito ho sempre freddo forse perchè da piccolo, dai padroni di prima, ero sempre sotto la pioggia insieme agli altri come me e a volte correvamo e a loro non andava bene e ci picchiavano. Una volta mi hanno dato una botta sul muso e la ferita mi è rimasta per giorni. Forse facevo qualcosa di sbagliato non lo so, qua sto meglio, non mi picchiano, mi danno sempre da mangiare e mi coccolano, credo che rimarrò con questo branco… 

FREDDY AMOREEEE VIENI QUI! Devo essermi addormentato, credo proprio di si. Il sole ora è molto alto, e i padroni stanno facendo il loro secondo pasto. Adesso credo che mi vogliano dare qualcosa da mangiare. Entro in casa, mi avvicino al tavolo, allungano la mano io li schivo e aaargh…preso una fetta di carne però ora devo correre, mi inseguono con una racchetta tra le mani. Ho sbagliato, ho sbagliato, lo so sono stato cattivo. LASCIALA LASCIALA, DEFICIENTE MANGI SEMPRE COME TI SEI PERMESSO TI PRENDERE LE COSE DAL TAVOLO! Ho tanta paura, ho tanta paura, scusatemi lo so era roba vostra non la dovevo prendere, urlano frasi incomprensibili credo che sia come il nostro abbaio, mi hanno dato uno schiaffo sul sedere, me lo ha dato la padrona più piccola, lo sento perchè è molto debole e non mi fa male, però io faccio finta di essermi spaventato e loro la smettono subito. Ho guadagnato una fetta di carne e delle carezze di scuse. Ho vinto io. 

Mi stendo al sole. Sento un suono familiare, molto forte, come degli spari molto piccoli uno dopo l’altro. È una macchina! I miei padroni la usano per andare nei posti, con quella vai molto veloce. Una macchina, così la chiamano. Ora deve essere il compagno della padrona più piccola, di solito viene a quest’ora. Mi sta simpatico, mi fa tante coccole e ci gioco, a volte mi insegue e io corro. Sta entrando, lo aspetto dietro il cancello. Mi piace mettermi su due zampe e leccargli il viso, chissà se mi ha portato del cibo. No, non ha nulla, però adoro quando mi accarezza la pancia, io mi butto per terra e sonnecchio mentre mi accarezza, mi sento molto bene. All’inizio quando ha iniziato ad entrare nel territorio non mi stava simpatico, dovevo proteggere il branco e già c’era un uomo che era il capobranco. Una volta ho tentato di morderlo così speravo se ne andasse, poi non so, l’ho visto uscire dalla tana dei padroni e credo che loro lo abbiano accettato, quindi ho dovuto farlo anche io, ora lo rispetto. Credo che la mia padrona non lo rispetti più, sono giorni che urlano sempre: VIENI DENTRO CHE DOBBIAMO PARLARE; NO STIAMO QUA CHE DENTRO C’È TUA MADRE E POI DI COSA DOBBIAMO PARLARE; COME DI COSA? EH DI COSA? PENSAVO FOSSE GIÀ TUTTO RISOLTO; NON È RISOLTO UN CAZZO SE TU CONTINUI A MANDARE MESSAGGI A UNA CHE NON CONOSCO DICENDO COSE TUE E NOSTRE; TI HO GIA DETTO CHE È STATO UN MOMENTO DI LEGGEREZZA; SE SE ENTRA PER FAVORE… 

 Sono di nuovo solo, sono tutti entrati nella loro tana. A volte entro anche io, di solito la mattina o quando piove, però non ci sto bene. Non si sente nessun odore, soprattutto quando passano una specie di ramo grigio con dell’acqua per terra che fa sparire tutti gli odori. Ci si dorme bene però perchè non si sente nulla, c’è molto silenzio. Non mi piace quando sono solo, ho paura e mi sento triste avrei voglia di essere coccolato e l’unica cosa che mi viene voglia di fare è dormire oppure scavare dalla rabbia, scavo tantissimo. FREDDYYY SMETTILA DI SCAVARE! Arriva la voce della padrona più grande dalla tana. Al mio branco non piace che scavo, lo so benissimo che mi stanno sgridando per questo, però è bello attirare la loro attenzione, sento un rumore credo che sia il capobranco. Gli sono molto fedele, anche se quando sono piccolo non gli stavo molto simpatico, ho morso tutti i suoi vestiti e una volta mi ha inseguito e picchiato. Mi faceva male però ora lo rispetto perchè mi vuole bene, a volte mi accarezza o mi dà delle botte leggere sulla testa e mi piace molto OOOH CICCIO COME STAI? Annuso le scarpe è stato sempre nello stesso posto, ci va tutti i giorni tranne due ogni cinque. Sento odore di pietra, marmo, un po’ di pioggia e odore di polvere e inchiostro; anche l’odore di pipi, credo sia quello di un cane che ha mangiato del prezzemolo ma non lo conosco.  

 FREDDY PERCHÈ HAI UCCISO UN ALTRA LUCERTOLA? SEI PROPRIO UN POLLO, PRENDI LA PETTORINA CHE LO PORTIAMO AL PRATONE; OK PRESA! Si esce, si esce! Forse mi portano al grande prato. Là mi tolgono questa cosa e posso correre con altri cani. Si apre il cancello, usciamo. Sento che la padrona più piccola e il loro compagno parlano. Mi fermo e li annuso, hanno lo stesso odore forte tra le gambe. Credo si siano accoppiati, lo fanno sempre dopo che hanno urlato. A volte anche la padrona più grande lo fa quando il capobranco non c’è. Fa entrare un uomo molto alto che ha lo stesso odore del capobranco di Ringhio, e poi sento il loro odore quando escono è lo stesso della padrona più piccola in mezzo alle zampe. 

 Guarda guarda! Mi alzo su due zampe, sono molto bravo. FREDDY GIU! SI È  YANA, DOPO TI LASCIAMO COSÌ GIOCATE! Continuo a tirare, voglio raggiungerla. Finalmente arriviamo al grande prato, mi tolgono la corda e le corro incontro. Ha sempre lo stesso buon odore di nocciola. Ha il pelo umido. Sento odore di un altro cane, non mi piace. Iniziamo a giocare, tento di morderle il collo ma è piu veloce e scappa, la raggiungo facilmente da dietro e ci ruzzoliamo tra l’erba. Arriva un fortissimo odore di ruggine che mi fa distrarre. Yana mi segue ma dopo poco molla la presa, mi allontano e odoro un pezzo di ferro, ci faccio la pipì sopra e me ne vado. Torno dai padroni, gli altri cani non mi stanno simpatici. Adoro i miei padroni, mi accarezzano e mi parlano, VAI A GIOCARE CON GLI ALTRI CANI! Forse vogliono che vado dagli altri ma non ho voglia. Il capobranco di un cane mi guarda e mi accarezza il collo 

 MA CHI TI AMMAZZA A TE EH FRE?! NON PENSI A NIENTE, NON COME NOI CHE OGNI GIORNO LAVORIAMO, TORNIAMO A CASA, E POI LITIGHIAMO CON LE MOGLI O COI FIGLI, CI METTIAMO DA PARTE I SOLDI PER LE VACANZE. MAGARI PER L’AMANTE EH AHAHAH A TE IL CIBO TE LO DIAMO NOI, LA CASA È LA NOSTRA, TE NON TI DEVI COMPRARE UN CAZZO…non capisco cosa dice però mi sta simpatico è sempre felice e mi accarezza. Fa anche un po’ freddo, il sole sta scendendo. Non sono mai stato un cane a cui piace uscire di notte. Capiscono e torniamo indietro, tiro molto, devo fare la cacca. La padrona apre il cancello ed entro, appena mi slacciano da questa cosa che chiamano pettorina, mi fiondo verso il prato. Sono molto felice di essere rientrato a casa, nel mio territorio mi sento finalmente al sicuro, ora faccio un po’ di cacca.  

 Ha l’odore di Cavallo e patate sempre il solito, tutto regolare. Ho finito mi metto un po’ nella cuccia, c’è un cuscino morbido non mi piace molto, però è caldo. La sera non mi piace stare fuori, mi ricorda il buio di quando piove. Sento che hanno preso il mio cibo, lo portano fuori SEDUTO! metto il sedere per terra, dai per favore dammelo dammelo OK BRAVO! Mangio. 

 Sono nella cuccia, loro sento che parlano di là. Il compagno della padrona se n’è andato dopo il terzo pasto, ho odorato le sue mani quando mi ha accarezzato, ho sentito odore di carne e patate e grano, anche delle verdure, credo sia il condimento. CIAO FREDDY BUONANOTTE

 Sento la padrona più grande che urla verso il marito: MA SMETTILA DI LAVORARE SEMPRE, STAI SEMPRE DAVANTI IL COMPUTER, HAI ROTTO LE PALLE! OOOH SILVIA LO VUOI CAPIRE CHE SE NON FACCIO ‘STI CORSI DI AGGIORNAMENTO MI LICENZIANO, POI CON CHE COSA MANGIAMO CHE TE SONO DUE ANNI CHE NON LAVORI?! SE SE TANTO LA STORIA è SEMPRE QUESTA E IO DA SOLA A CASA AD ASPETTARTI! MA ZITTA CHE SEI RIDICOLA, HAI 50 ANNI E FAI I RAGIONAMENTI DI UNA RAGAZZINA… 

 Io dormo nella cuccia, in una piccola parte della tana prima di entrare nella parte più grande, sono davanti all’ingresso così posso controllare chi viene da fuori. 

Sono di nuovo solo, è notte. Mi metto nella cuccia subito dopo che la padrona ha chiuso la porta. BUONANOTTE FREDDY MENOMALE CHE CI SEI TE. QUESTI URLANO SEMPRE, QUELL’ALTRO è UN COGLIONE, MAH… 

Ho sonno gli occhi mi si chiudono. Spero di correre molto stanotte. In fondo non è male questo insieme di svegliarsi, odorare, correre, giocare e difendere il territorio…chissà se anche i miei fratelli stanno facendo questo, non li ho più visti da quando mi hanno portato via da quel posto, poteva andarmi peggio…si, poteva andarmi peggio… 

Lorenzo Buonarosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...